Ultime Notizie

lunedì 9 maggio 2011

PlayStation Network, test per tornare online

La scorsa settimana l'azienda Sony riferiva che era vicina alla fine della sua chiusura online, che ha visto i suoi servizi chiusi. Ma questo fine settimana ha di essere ancora a lavoro "confermare la sicurezza dell'infrastruttura di rete".

"Come forse sapete, abbiamo iniziato il processo di ripristino del servizio attraverso test interni del nuovo sistema", ha scritto Patrick Seybold, Senior Director per le comunicazioni aziendali. "Stiamo ancora lavorando per confermare la sicurezza dell'infrastruttura di rete in modo da confermare la sicurezza del sistema." "La verifica della sicurezza del sistema è fondamentale per il processo di ripristino. Ulteriori controlli e test di sistema globali sono ancora necessari, e dobbiamo completare quel processo prima di portare il sistema online", ha aggiunto. "Come avete sentito dire, la nostra priorità è la massima sicurezza della rete e garantire che i dati siano al sicuro. Noi non ripristineremo i servizi fino a quando non avremo testato la forza del sistema in questi aspetti."

Gli utenti PlayStation non avranno accesso al servizio per altre tre settimane? Secondo un rapporto, Sony PlayStation Network e i servizi on-line come Qriocity saranno offline almeno fino al 31 maggio.

In un'intervista Bloomberg, portavoce Sony, ha detto che attualmente è in atto l'installazione di un migliore sistema di sicurezza e i servizi saranno di nuovo online entro il 31 maggio.

Sony PlayStation Network è off-line dal 20 aprile, e Sony Online Entertainment (SOE), è tornata in linea dal 2 maggio. Nel corso di una conferenza stampa del 30 aprile a Tokyo, Sony ha detto che prevede di avere servizi online entro una settimana, ma in seguito alla interruzione delle aziende, la società ha manifestato la necessità di più tempo.

La scorsa settimana, il presidente e amministratore delegato Howard Stringer ha offerto le scuse personali a coloro che sono stati colpiti e ha offerto un anno di monitoraggio del credito gratuito e una politica di furto di identità.
« PREV
NEXT »